Ecco la guida definitiva per ottenere il Superbonus 110%

 

Superbonus 110

Il Superbonus 110 % è un’agevolazione prevista dal Decreto Rilancio. In parole semplici è una detrazione fiscale per interventi in ambito di efficienza energetica, di interventi antisismici, di installazione di impianti fotovoltaici o delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.
La detrazione fiscale del 110% vale per i lavori effettuati dal 01/07/2020 al 31/12/2021. Il Ministro dello Sviluppo Economico, ha già firmato il decreto relativo alla modulistica, e ha provveduto anche a sottoscrivere le modalità di trasmissione dell’asseverazione, (ovvero il documento rilasciato da un professionista o da una società che certifica il possesso dei requisiti necessari per ottenere il bonus).

La cosa che rende questo decreto unico è la possibilità, di optare per un contributo anticipato sotto forma di sconto dai fornitori dei beni o servizi o, in alternativa, per la cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante. In questo caso si dovrà inviare dal 15 ottobre 2020 una comunicazione per esercitare l’opzione. Il modello da compilare e inviare online è quello approvato con il provvedimento dell’8 agosto 2020.

Chi ne ha diritto?

– Persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni, che possiedono o detengono l’immobile oggetto dell’intervento.
– Onlus e associazioni di volontariato.
– Istituti autonomi case popolari (IACP) o altri istituti che rispondono ai requisiti della legislazione europea in materia di “in house .providing”.
– Condomini.
– Cooperative di abitazione a proprietà indivisa.
– Associazioni e società sportive dilettantistiche, limitatamente ai lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi.

Mentre per i soggetti Ires l’Agenzia dell’entrate parla chiaro: rientrano tra i beneficiari nella sola ipotesi di partecipazione alle spese per interventi trainanti effettuati sulle parti comuni in edifici condominiali.

Superbonus 110%, interventi agevolabili

Il bonus ha sottolineato Ruffini spetta per gli interventi principali ma anche per interventi trainanti.

Interventi trainanti
– Isolamento termico delle superfici opache che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie.
– Sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria particolarmente performanti.
– Interventi antisismici.

Interventi trainati eseguiti congiuntamente
– Efficientamento energetico che dà diritto all’ecobonus.
– Installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici.
– Installazione di impianti solari fotovoltaici.

Il Superbonus non spetta per interventi effettuati su unità immobiliari residenziali appartenenti alle categorie catastali A1 (abitazioni signorili), A8 (ville) e A9 (castelli).

Come ottenere la detrazione

Questa è la parte più astrusa. Per ottenere la detrazione del 110%, gli interventi, nel complesso, devono assicurare il miglioramento di almeno 2 classi energetiche.

(Attenzione: Il passaggio di classe va dimostrato con l’attestato di prestazione energetica “A.P.E.”, ante e post intervento, rilasciato da un tecnico abilitato nella forma della dichiarazione asseverata).

Per gli interventi relativi all’ecobonus devono essere asseverati da tecnici abilitati per il rispetto dei requisiti e la congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati. Una copia dell’asseverazione viene trasmessa in via telematica all’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie e lo sviluppo economico (ENEA).

E non finisce qui, perché per gli interventi relativi al sismabonus devono essere asseverati da professionisti incaricati della progettazione strutturale, direzione dei lavori delle strutture e collaudo statico secondo le rispettive competenze professionali, e iscritti ai relativi Ordini o Collegi professionali di appartenenza. I professionisti incaricati attestano anche la congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati.

Attenzione

Anche se segui meticolosamente tutti questi passaggi NON è così scontato che l’Agenzia delle entrate ti riconosca il credito, sono troppe le varianti in gioco. E se commetti un errore ti succederà anche di peggio, perché un ente pubblico come l’ENEA può addirittura richiedere la sospensione del credito di imposta.


Per evitare errori, e consecutiva perdita di tempo e soldi richiedi adesso una consulenza Gratuita.

Il nostro staff è composto da professionisti specializzati sulla materia dei bonus immobiliari.

Per una consulenza gratuita e senza impegno sentiti libero di contattarmi adesso! 

Tel: 3465011218

Max Arena


Per un contatto veloce compila il modulo sotto

    Ecco la guida definitiva per ottenere il Superbonus 110%
    Torna su